English version

Storia PDF Stampa E-mail

  

Lago Patria è una frazione del comune di Giugliano in Campania, in provincia di Napoli. Si trova sul litorale domizio e assieme alle vicine Licola e Varcaturo costituisce la circoscrizione di decentramento denominata "Licola - Lago Patria". È affacciata sull'omonimo lago ed è la più piccola delle tre località sul litorale.

 

Abitata dagli Osci nel V – IV secolo a.C., conobbe un notevole sviluppo sotto i Romani che qui fondarono Liternum nel 194 a.C. con il trasferimento di 300 famiglie di coloni. Il più illustre dei cittadini della piccola colonia fu Publius Cornelius Scipio Africanus (235-183 BC), grande generale romano meglio conosciuto come “Scipione l'Africano” a seguito della sua grandiosa sconfitta di Annibale nella battaglia finale della seconda guerra punica. Egli, in contrasto con il Senato di Roma e soprattutto con Catone, scelse di abbandonare Roma a causa dell'accusa di corruzione e appropriazione rivolta alla Gens degli Scipioni da parte dell'ala più intransigente del Senato Romano, che mal vedeva la mite pace conclusa dopo la splendida vittoria di Zama. I resti archeologici della villa e della tomba dell'illustre condottiero sono stati rinvenuti nel territorio di Liternum, nel comune dell’odierna Lago Patria, tomba sulla quale è inciso il seguente epitaffio: “Ingrata patria, ne ossa quidem habebis” ossia “ingrata patria mai avrai le mie ossa”. Liternum fu anche una delle quattro città più antiche in Campania in cui fu introdotto e praticato il Cristianesimo, nel primo e secondo secolo Avanti Cristo.

 

 

Solo negli anni trenta del XX secolo, in epoca fascista, la zona è stata bonificata e oggi sta vivendo una nuova espansione, da area prevalentemente agricola si è trasformata in un’area turistica che vede la presenza di molteplici strutture ricettive e di servizi.

 
Webmaster Roberto Gargiulo ©2009-2013 Tutti i diritti riservati